Archive for the Le nostre strade Category

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on gennaio 6, 2012 by guatantavara

Qui termina il lungo viaggio sulle strade dei Guanci.
Termina dov’era iniziato, a Santa Cruz de Tenerife,
dopo aver raccolto per strada i sassolini di memoria
come fossimo un Pollicino di passaggio.

Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#1) - Taken in my colored period

Sembra di essere in un luogo doppio, a Santa Cruz de Tenerife,
distribuito tra un tempo antico e un’era nuova,
sempre colorato dei colori del nostro sguardo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#2) - Simple as drawn by a child

Semplice come un disegno fatto dai bambini
Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#3) - Nelson passed by here

Come se un muro dopo l’altro il tempo se ne andasse via

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#4): One wall after another, the time goes

Maschio e femmina, Yin e Yang, notte e giorno

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#5): Male & Female, Yin & Yang, Night & Day

Pixel giganteschi che sembrano rendere il nostro cammino una Seconda Vita,
virtuale o materiale, come la si vuole vivere

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#6): Giant pixels

Scoprendo accessi che portano a luoghi dove nessuno di noi potrà mai entrare,
ma che sono loro a entrare dentro di noi,
al confine tra il sentiero dello sguardo e il bosco della fantasia

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#7): 16 internal

Fino a indovinare tutti i generi di rosso che si possono colorare

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#8): Another kind of red

o i pastelli irripetibili che non emettono suoni
e ci sussurrano parole di vita dentro l’anima

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#9): Pastels

tasselli di edifici che si compongono riflettendo il tempo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#10): Buildings puzzle

E come tutti i viaggi anche questo finisce con un addio.
Finisce con un addio,
perché in ogni addio seminiamo un po’ della nostra anima.
Quella che abbiamo costruito nel viaggio,
raccogliendo frammenti di memorie,
ricordi e souvenir del tempo.

Along the roads of the Guanches - Epilogue: To leave is to die a little

A tutti i visitatori di questo viaggio:

Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama
poiché lasciamo un po’ di noi stessi
in ogni luogo ad ogni istante.
E’ un dolore sottile e definitivo
come l’ultimo verso di un poema…
Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama.
Si parte come per gioco
prima del viaggio estremo
e in ogni addio seminiamo
un po’ della nostra anima

(Rondel de l’adieu, Edmond Haracourt)

Annunci

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 9 – Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on novembre 26, 2011 by guatantavara

Il lungo viaggio nelle terre dei Guanci volge al termine. Finirà con due ultime storie, una miracolo della natura (tanto per farcela amare quanto dovremmo, sempre) l’altra dell’uomo (quello sano di mente).

Capitolo 9 – Lanzarote, Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#2): Green Highways

Entrare nel Jardín de Cactus è come sentirsi al tempo stesso Gulliver e Alice, Corto Maltese e Phileas Fogg.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#1): The plant of wonders

Si passa dal paese delle meraviglie a Lilliputh, da coste bagnate da oceani inesistenti, viste con gli occhi di streghe e gitani, al sogno di attraversare il mondo racchiuso nella stanza della nostra fantasia.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#5): Natural tangle

E ciascuno può vedere quello che vuole nelle piante inimmaginabili del Jardín de Cactus.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#6): Thorny gear

Perché la magia, se c’è, è nelle cose e negli occhi di chi le guarda

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#7): barbed wire

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#8): Flame

Può un cactus dare l’idea della tenerezza? A volte i cactus non sembrano ostili, ma adolescenti pieni di spine e tenerezze, come i nostri figli, che vediamo crescere credendo di essere forti e inespugnabili eppure fragili e vulnerabili.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#4): Tenderness

Belli e pericolosi, dolci e dannati. Ecco, questo popolo dei cactus è proprio come i nostri figli

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#9): Cotton candy

Avrei voluto camminare sopra queste foglie galleggianti riempite dai colori della vita, come un povero cristo sperduto in un luogo di epifanie allo sguardo.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#3): Life on the water

Tavolozze di pittori innamorati, regali della natura al viaggiatore, dichiarazioni d’amore alla deriva, alla ricerca della foglia sorella o amante.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#10): Mirror on the wall..., who's the fairest of them all?

Avrei voluto camminarci sopra, ma intanto ci ho viaggiato dentro

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , on novembre 13, 2011 by guatantavara

Benvenuti nell’isola della terra nera, in un altro tempo, in un’altra Terra

Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

dove la strada culla il viaggiatore come i Luna Park fanno con la fantasia, tuffo a cuore dell’immaginazione. E tutto è possibile, a Lanzarote, quasi a poter essere davvero in un altro mondo.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#1): Welcome to the black land

E ti accompagna la terra nera nel tuo viaggio senza punti di riferimento, ti guida verso l’orizzonte come un ago della bussola senza nord certi da indicare.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#2): Bacchus normal form

Le incertezze dell’animo diventano pensieri secondari, libero di andare, libero di non tornare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#3): Wine trenches

Giù dal tempo, a scandire epoche che non forse non sono mai esistite

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#4): Drawn by the time

“il viaggio continua… e l’orizzonte è lì che aspetta.
il presente vicino e nitido, quel che verrà sfocato e impalpabile…”

(grazie a mariarita.g)

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#5): Going towards no land

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#6): The road of Dwarfs

Viste minimali raccontano gli angoli più nascosti della pace del mondo

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#7): Minimal view

Strati di memorie screpolate, segnate qua e là da pietre miliari del blu rubato al cielo e al mare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#8): Layers

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#9): Really abstract

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#10): Abstractly real

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on novembre 5, 2011 by guatantavara

L’insostenibile leggerezza del deserto accompagna il viaggiatore arrivato al Parque de Las Dunas, deserto a forma di spiaggia infinita, sospeso tra il mare e il niente, di fronte all’Oceano, alle spalle della storia.

Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#1): The look-out

Le tracce che il viaggiatore lascia nel deserto, sono sempre tracce di vita anche se la vita sembra assente.

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#2): Harmonies

Non si vedono strade perché il deserto è un’unica grande strada maestra, piena di piste del sogno e vie dei canti, grovigli forse,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#5): Footprints

scanditi dal tempo segnato dal vento sulla sabbia, metronomo di una musica interiore che altrove non si può sentire. Solo nel silenzio

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#3): The challenge

Alla luce di lune inesistenti, Las Dunas ti ricorda le strade inventate di viaggi senza tempo, attratti solo dalla sagoma scura delle paure

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#6): Moonlight

Attraversare in bicicletta il deserto de Las Dunas è come perdersi in un sogno abbagliato di sabbie chiare e leggere, distese macchiate di cespugli inospitali,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#7): Lost

bush delle nostre vie antenate, percorse senza meta conosciuta, a metà strada tra vita e memoria

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#4): Little dunes

Rughe del tempo attraversano le dune, accompagnano il cammino del viaggiatore al ritmo scandito dal vento

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#8): Wrinkles

Non c’è altro orizzonte nel deserto de Las Dunas che il mare, strano miraggio del viaggiatore reso folle dal colore della sabbia, disorientato dal vedersi perso nel nulla eppure così vicino all’Oceano

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#9): Disorienteering

e dire addio al deserto significa seguire una strada che porta verso altri mondi

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#10): Farewell

là, dove comincia la storia della terra nera

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 6 – Fuerteventura, tracce del tempo

Posted in Europa, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , , on ottobre 21, 2011 by guatantavara

La storia di Fuereteventura si scrive sui muri bianchi, immacolati, come se lavagne del tempo stessero lì, ad aspettare il sole che si mette filo filo a far risaltare le più piccole imperfezioni. A scriverci memorie.

Capitolo 5 – Fuerteventura, tracce del tempo

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#1): History whiteboard

Betancuria ha un nome che ricorda i conquistatori di passaggio. Mecenati o massacratori che fossero ognuno ha lasciato un segno. E ora sembra un piccolo villaggio costruito dai bambini nei cortili di scuola, esercizi di stile e colore. Così immacolato che non si può nemmeno parlare per non sciuparlo

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#2): Towards the sky

A Betancuria, davanti alla Iglesia de Santa María lo sguardo va sempre verso il cielo, forse perché non si riesce a sostenere il bianco candido dei muri, l’ocra dei mattoni e il gioco sacro delle ombre. Così non resta che alzare gli occhi verso l’azzurro, sospinti dalle geometrie degli angoli, come se si fosse proiettati verso il punto di fuga della redenzione

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#3): Holy colors

Tutti i colori di Betancuria hanno la sacralità delle minuziose mani che li hanno creati. Cure amorevoli che mettono insieme pezzo dopo pezzo la storia dei Guanci e delle loro sconfitte.

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#4): Dark&White

E ora, solo il silenzio accompagna i passi lungo le strade. Tutto il resto se l’è portato via il vento di Fuerteventura

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#5): Puzzle with blocks of time

Sembrano puzzle fatti con pezzi di storia le strade di Betancuria.
I muri bianchi giocano con i mattoni scuri come il giorno fa con la notte, come la memoria fa coi ricordi, come l’amore dei popoli fa con l’odio della gente. Come la storia di incontri tra civiltà fa con la sopraffazione degli invasori

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#6): There! On the orizon, the freedom

La libertà di Fuerteventura la intravedi laggiù all’orizzonte, sul mare che ruba l’azzurro del cielo, lasciando il tuo sguardo di qua, felice di quello spicchio di vita che vedi a forma di vela

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#7): A vague sense of peace catches you

E un vago senso di pace ti prende. Sarà per i colori disegnati sottovoce dal sole, sarà per le forme semplici per le palme sottili, piene di pennelli, che lasciano solo segni leggeri

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#8): perfection of (some) human minds

La storia di Fuerteventura sbatte contro le reti che separano la terra dall’altra parte del mondo. Sono sipari che tolgono spazio al mare, barriere che nessun oceano può superare, vele che nessun vento può trascinare, nessun pensiero penetrare.
Se ne stanno lì, tra i colori del mare, ad aspettare venti nuovi

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#9): Freedom, again

La storia di Fuerteventura finisce sui muri, ferite lasciate dai fili spinati del tempo. Sono come ricordi indifesi, avvinghiate edere della memoria, uniche ombre che trovi lungo cammini assolati. Punti fissi di una vita che non sai più raccontare.

Chapter 6 - Fuerteventura, Traces of time (#10): Breaking the established order

“E poi saran le ultime ormai”

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 5 – Fuerteventura, calma e furore

Posted in Europa, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , on ottobre 14, 2011 by guatantavara

Fuerteventura è il quinto capitolo del mio viaggio alle Canarie. Anche in questo caso, come per El Teide, non ci sono fotografie che possano rendere davvero l’idea dei luoghi. E’ solo dopo che ci si è fatti tormentare dal vento, aver calpestato le immense distese di spiagge e deserti (che a volte si confondono) o girovagato per le tortuose strade interne che si può capire – una volta davanti alle immagini, ai colori indicibile dell’Atlantico – cosa davvero abbiamo visto.

Capitolo 5 – Fuerteventura, calma e furore

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#1): Unspeakable levels of blue

Il racconto di questo viaggio è solo un lungo filo che si muove sul crinale dello sguardo, in bilico tra memoria e immaginazione. E ci fa riscoprire mondi inesplorati, come messaggi subliminali, inavvertitamente raccolti lungo la strada.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#2): Marine trophies

Alla Punta de Jandia trovi i cimeli del mare attaccati alle baracche, trofei che dopo giorni e giorni di abbandono al mare riporti a terra. Vincitore o sconfitto non importa, basta averlo sfidato il mare, avergli rubato i colori indicibili e restituirli alla tera arida e polverosa.
Come può tanto colore sfinirsi così nella desolazione delle montagne?

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#3): Lilliput and Blefuscu

Puerto de la Cruz non esiste. Se lo inventa il viaggiatore perché il mare là sotto è troppo grande e troppo selvaggio per non cercare un riparo tra la calma delle piccole case bianche.
Sembra Lilliput, paese in miniatura appoggiato sulle pietre arrotondate dal mare.
Puerto de la Cruz esiste solo per dividere il mondo in due, di qua il silenzio della baia, di là l’urlo delle onde, di qua la vita dolce e rumorosa solo del pallone calciato dal bimbo, di là il frastuono di un’epoca che non riconosco come mia.
Eppure, anche se non esiste, Puerto de la Cruz sta lì, sulla punta estrema di un’isola estrema, dentro un mare estremo, che solo chi ha il coraggio di non guardarsi indietro può scoprire

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#4): Scenes of daily Ocean

Sono le scene di quotidiano oceano quelle che ti rimangono più impresse di Puerto de la Cruz. Panni stesi al sole che sventolano come bandiere di vita, sorvegliati dal faro guardiano della Punta de Jandia, arbitro delle onde che si rincorrono spruzzando gocce di sale sulla pelle. Come sempre il rumore della natura si mischia al silenzio dei corpi. Scene di piccoli elementi da ricomporre nella memoria, per ritrovarsi.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#5): The Little Mermaid

E’ semplicemente l’oceano, quello che viene incontro al viaggiatore alla Punta de Jandìa. Con le sue onde bianche lo raggiunge ovunque egli sia, provenendo dal centro sconosciuto del mondo, laggù dove in un tempo passato c’era Atlantide. Vanno a scontrarsi, le onde bianche, con la spiaggia nera, lava scesa lentamente fin lì da qualche vulcano scomparso, sbriciolata, allisciata e corrosa dal vento e dal mare e ora rimasta a formare cerchi concentrici di colore come quelli disegnati da un sasso lanciato nell’acqua

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#6): Simply Ocean

Il viaggiatore è infinitamente piccolo, sperduto dentro la Costa de sotavento, così come la spiaggia attorno è inifinitamente grande. Camminarci è come stare su un foglio di carta, dove i passi sono la scrittura della memoria. Tracciano segni che si intrecciato tra loro come le vie dei canti dell’altra parte del mondo. Perché in fondo non c’è nel mondo una parte o l’altra, ma solo le piste del sogno, Messe insieme formano un unico labirinto di ricordi, infinitamente piccolo per il mondo, infinitamente grande per noi

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#7): Infinitely small as well as infinitely large

Chissà perché in certi posti non si può non sentirsi legati per sempre a chi li vive con noi. Sono i posti in cui impariamo a condividere quello che sentiamo, dove capiamo che il vento, il rumore del mare, quello che la marea lascia ai nostri piedi, non sono lì per noi soli, né per noi “da soli”, e anche se lo siamo davvero da soli, sappiamo che esserci in quel preciso momento e in quel preciso punto del mondo, sarà esserci stato per sempre e ovunque.
Così è alla Costa de sotavento a Fuerteventura

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#8): how can't I tell you that I love you?

Cammina e cammina si arriva dove nasce il vento, dove lo sfinimento diventa gioia.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#9): marching towards the wind

Dove ci si sente come quel piccolo granello di sabbia, eppure si sfida il mare.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#10): Walkabout

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 4 – Il lato verde di La Gomera

Posted in Europa, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on ottobre 5, 2011 by guatantavara

L’altra faccia di La Gomera non è riempita dai colori delle case, ma dai colori della natura. Da uno stesso punto, El Mirador de Tajaquè, si vede tutto quello che la natura ha regalato al mondo.

Capitolo 4 – Il lato verde di La Gomera

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#1): Water, Air, Fire, Earth

All’orizzonte, verso Nord, Tenerife e il fuoco di El Teide, poco sotto, l’addensarsi del segno d’aria delle nuvole tra cielo e mare, compone uno strato di prato bianco, dove scorazzano gli angeli e le anime salve. Più sotto ancora, segno d’acqua azzurro più del cielo, l’Atlantico regala increspature bianche, che sembrano scritte da qualche balenottero sopra la lavagna del mare, e infine, dove sei tu, il segno di terra delle colline – che si litigano il verde e il rosso – completa il giro della vita. Regalando allo sguardo l’altra faccia di La Gomera

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#2): Life-rings

Ci sono linee sui campi di La Gomera che sembrano gli anelli di vita degli alberi, tracce del tempo che rimangono disegnate sulla terra a ricordarci – se mai lo avessimo scordato – a cosa serve la vita. A come passano le stagioni lasciandoci i colori del sole e della pioggia, i segni del vento e del mare. E ci accompagnano lungo strade che non dimenticheremo

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#3): Close to Heaven

Ci sono vallate, tra le strade tortuose di La Gomera, che appaiono improvvise come Paradisi allo sguardo delle anime fragili. Sono miraggi appena sospesi tra le nuvole basse che il vento porta ogni giorno dal Sahara, lasciandole lì, a protezione delle gradazioni infinite di verde dei prati e delle scure macchie dei monti, dai manti rugosi come pelle di lucertola. Sembrano draghi addormentati sulle onde del mare.

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#4): Blue "Highways"

Le strade blu di La Gomera appaiono come le strade dei cartoni animati, quelle disegnate per i bambini, che salgono sulla montagna dove abitano i maghi e le fate. Zigzagando e sparendo dietro il monte dove nessuno sa cosa c’è

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#5): ...and below us a sea of ​​clouds

Sotto di noi un mare di nuvole, a nascondere la punta dei monti alla vista, mentre il verde del Mirador de Tajaquè forma un altro mare, fatto di tutte le note di verde che la natura sa. Di fronte, dall’altra parte del mare, l’isola di Tenerife offre il cratere del Teide, protetto dal suo manto di nuvole che non si staccano mai. E l’azzurro in lontananza sembra venuto per mostrarci come sarebbe il paradiso