Archivio per Isole Canarie

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on gennaio 6, 2012 by guatantavara

Qui termina il lungo viaggio sulle strade dei Guanci.
Termina dov’era iniziato, a Santa Cruz de Tenerife,
dopo aver raccolto per strada i sassolini di memoria
come fossimo un Pollicino di passaggio.

Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#1) - Taken in my colored period

Sembra di essere in un luogo doppio, a Santa Cruz de Tenerife,
distribuito tra un tempo antico e un’era nuova,
sempre colorato dei colori del nostro sguardo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#2) - Simple as drawn by a child

Semplice come un disegno fatto dai bambini
Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#3) - Nelson passed by here

Come se un muro dopo l’altro il tempo se ne andasse via

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#4): One wall after another, the time goes

Maschio e femmina, Yin e Yang, notte e giorno

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#5): Male & Female, Yin & Yang, Night & Day

Pixel giganteschi che sembrano rendere il nostro cammino una Seconda Vita,
virtuale o materiale, come la si vuole vivere

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#6): Giant pixels

Scoprendo accessi che portano a luoghi dove nessuno di noi potrà mai entrare,
ma che sono loro a entrare dentro di noi,
al confine tra il sentiero dello sguardo e il bosco della fantasia

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#7): 16 internal

Fino a indovinare tutti i generi di rosso che si possono colorare

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#8): Another kind of red

o i pastelli irripetibili che non emettono suoni
e ci sussurrano parole di vita dentro l’anima

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#9): Pastels

tasselli di edifici che si compongono riflettendo il tempo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#10): Buildings puzzle

E come tutti i viaggi anche questo finisce con un addio.
Finisce con un addio,
perché in ogni addio seminiamo un po’ della nostra anima.
Quella che abbiamo costruito nel viaggio,
raccogliendo frammenti di memorie,
ricordi e souvenir del tempo.

Along the roads of the Guanches - Epilogue: To leave is to die a little

A tutti i visitatori di questo viaggio:

Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama
poiché lasciamo un po’ di noi stessi
in ogni luogo ad ogni istante.
E’ un dolore sottile e definitivo
come l’ultimo verso di un poema…
Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama.
Si parte come per gioco
prima del viaggio estremo
e in ogni addio seminiamo
un po’ della nostra anima

(Rondel de l’adieu, Edmond Haracourt)

Annunci

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 9 – Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on novembre 26, 2011 by guatantavara

Il lungo viaggio nelle terre dei Guanci volge al termine. Finirà con due ultime storie, una miracolo della natura (tanto per farcela amare quanto dovremmo, sempre) l’altra dell’uomo (quello sano di mente).

Capitolo 9 – Lanzarote, Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#2): Green Highways

Entrare nel Jardín de Cactus è come sentirsi al tempo stesso Gulliver e Alice, Corto Maltese e Phileas Fogg.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#1): The plant of wonders

Si passa dal paese delle meraviglie a Lilliputh, da coste bagnate da oceani inesistenti, viste con gli occhi di streghe e gitani, al sogno di attraversare il mondo racchiuso nella stanza della nostra fantasia.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#5): Natural tangle

E ciascuno può vedere quello che vuole nelle piante inimmaginabili del Jardín de Cactus.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#6): Thorny gear

Perché la magia, se c’è, è nelle cose e negli occhi di chi le guarda

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#7): barbed wire

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#8): Flame

Può un cactus dare l’idea della tenerezza? A volte i cactus non sembrano ostili, ma adolescenti pieni di spine e tenerezze, come i nostri figli, che vediamo crescere credendo di essere forti e inespugnabili eppure fragili e vulnerabili.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#4): Tenderness

Belli e pericolosi, dolci e dannati. Ecco, questo popolo dei cactus è proprio come i nostri figli

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#9): Cotton candy

Avrei voluto camminare sopra queste foglie galleggianti riempite dai colori della vita, come un povero cristo sperduto in un luogo di epifanie allo sguardo.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#3): Life on the water

Tavolozze di pittori innamorati, regali della natura al viaggiatore, dichiarazioni d’amore alla deriva, alla ricerca della foglia sorella o amante.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#10): Mirror on the wall..., who's the fairest of them all?

Avrei voluto camminarci sopra, ma intanto ci ho viaggiato dentro

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , on novembre 13, 2011 by guatantavara

Benvenuti nell’isola della terra nera, in un altro tempo, in un’altra Terra

Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

dove la strada culla il viaggiatore come i Luna Park fanno con la fantasia, tuffo a cuore dell’immaginazione. E tutto è possibile, a Lanzarote, quasi a poter essere davvero in un altro mondo.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#1): Welcome to the black land

E ti accompagna la terra nera nel tuo viaggio senza punti di riferimento, ti guida verso l’orizzonte come un ago della bussola senza nord certi da indicare.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#2): Bacchus normal form

Le incertezze dell’animo diventano pensieri secondari, libero di andare, libero di non tornare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#3): Wine trenches

Giù dal tempo, a scandire epoche che non forse non sono mai esistite

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#4): Drawn by the time

“il viaggio continua… e l’orizzonte è lì che aspetta.
il presente vicino e nitido, quel che verrà sfocato e impalpabile…”

(grazie a mariarita.g)

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#5): Going towards no land

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#6): The road of Dwarfs

Viste minimali raccontano gli angoli più nascosti della pace del mondo

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#7): Minimal view

Strati di memorie screpolate, segnate qua e là da pietre miliari del blu rubato al cielo e al mare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#8): Layers

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#9): Really abstract

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#10): Abstractly real

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on novembre 5, 2011 by guatantavara

L’insostenibile leggerezza del deserto accompagna il viaggiatore arrivato al Parque de Las Dunas, deserto a forma di spiaggia infinita, sospeso tra il mare e il niente, di fronte all’Oceano, alle spalle della storia.

Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#1): The look-out

Le tracce che il viaggiatore lascia nel deserto, sono sempre tracce di vita anche se la vita sembra assente.

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#2): Harmonies

Non si vedono strade perché il deserto è un’unica grande strada maestra, piena di piste del sogno e vie dei canti, grovigli forse,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#5): Footprints

scanditi dal tempo segnato dal vento sulla sabbia, metronomo di una musica interiore che altrove non si può sentire. Solo nel silenzio

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#3): The challenge

Alla luce di lune inesistenti, Las Dunas ti ricorda le strade inventate di viaggi senza tempo, attratti solo dalla sagoma scura delle paure

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#6): Moonlight

Attraversare in bicicletta il deserto de Las Dunas è come perdersi in un sogno abbagliato di sabbie chiare e leggere, distese macchiate di cespugli inospitali,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#7): Lost

bush delle nostre vie antenate, percorse senza meta conosciuta, a metà strada tra vita e memoria

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#4): Little dunes

Rughe del tempo attraversano le dune, accompagnano il cammino del viaggiatore al ritmo scandito dal vento

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#8): Wrinkles

Non c’è altro orizzonte nel deserto de Las Dunas che il mare, strano miraggio del viaggiatore reso folle dal colore della sabbia, disorientato dal vedersi perso nel nulla eppure così vicino all’Oceano

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#9): Disorienteering

e dire addio al deserto significa seguire una strada che porta verso altri mondi

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#10): Farewell

là, dove comincia la storia della terra nera

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 4 – Il lato verde di La Gomera

Posted in Europa, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on ottobre 5, 2011 by guatantavara

L’altra faccia di La Gomera non è riempita dai colori delle case, ma dai colori della natura. Da uno stesso punto, El Mirador de Tajaquè, si vede tutto quello che la natura ha regalato al mondo.

Capitolo 4 – Il lato verde di La Gomera

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#1): Water, Air, Fire, Earth

All’orizzonte, verso Nord, Tenerife e il fuoco di El Teide, poco sotto, l’addensarsi del segno d’aria delle nuvole tra cielo e mare, compone uno strato di prato bianco, dove scorazzano gli angeli e le anime salve. Più sotto ancora, segno d’acqua azzurro più del cielo, l’Atlantico regala increspature bianche, che sembrano scritte da qualche balenottero sopra la lavagna del mare, e infine, dove sei tu, il segno di terra delle colline – che si litigano il verde e il rosso – completa il giro della vita. Regalando allo sguardo l’altra faccia di La Gomera

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#2): Life-rings

Ci sono linee sui campi di La Gomera che sembrano gli anelli di vita degli alberi, tracce del tempo che rimangono disegnate sulla terra a ricordarci – se mai lo avessimo scordato – a cosa serve la vita. A come passano le stagioni lasciandoci i colori del sole e della pioggia, i segni del vento e del mare. E ci accompagnano lungo strade che non dimenticheremo

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#3): Close to Heaven

Ci sono vallate, tra le strade tortuose di La Gomera, che appaiono improvvise come Paradisi allo sguardo delle anime fragili. Sono miraggi appena sospesi tra le nuvole basse che il vento porta ogni giorno dal Sahara, lasciandole lì, a protezione delle gradazioni infinite di verde dei prati e delle scure macchie dei monti, dai manti rugosi come pelle di lucertola. Sembrano draghi addormentati sulle onde del mare.

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#4): Blue "Highways"

Le strade blu di La Gomera appaiono come le strade dei cartoni animati, quelle disegnate per i bambini, che salgono sulla montagna dove abitano i maghi e le fate. Zigzagando e sparendo dietro il monte dove nessuno sa cosa c’è

Chapter 4 - The green side of La Gomera (#5): ...and below us a sea of ​​clouds

Sotto di noi un mare di nuvole, a nascondere la punta dei monti alla vista, mentre il verde del Mirador de Tajaquè forma un altro mare, fatto di tutte le note di verde che la natura sa. Di fronte, dall’altra parte del mare, l’isola di Tenerife offre il cratere del Teide, protetto dal suo manto di nuvole che non si staccano mai. E l’azzurro in lontananza sembra venuto per mostrarci come sarebbe il paradiso

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 3 – La Gomera

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on settembre 25, 2011 by guatantavara

Lasciando Tenerife per La Gomera, si naviga nell’argento vivo del tramonto atlantico luce sparata che trovi verso ovest, quasi senza colore, come se i colori li avesse rubati tutti La Gomera, l’isola dei colori.

Along the roads of the Guanches - Interlude - Sailing towards La Gomera

Capitolo 3 – La Gomera, l’isola dei colori

L’intreccio che trovi nel fondo della stiva, nella breve traversata, ti preanuncia un cammino tortuoso e vivo, sbiadito solo all’apparenza, in realtà abbagliante come i muri dei piccoli paesini o i Mirador di sogno che ti regalano scorci di Genesi, intrecci di vita, da qualunque parte presa. Come una corda attorcigliata nella stiva, sul fondo della nave

Chapter 3 -La Gomera, Isle of colors (#1): Weaving the life

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#2): Convent of Santo Domingo de Guzmàn

Arrivare a La Gomera è come fare un salto di secoli all’indietro, tornare all’epoca dei Guanci, ritrovarsi tra draghi del colore dell’erba scura e colori impossibili di un mondo senza ozono, quasi che la luce arrivasse direttamente dal cosmo puro. E restare in sospeso tra città desertiche e foreste tropicali, a metà strada tra il Messico e l’Arabia. Forse proprio sopra Atlantide

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#3): Window and colors

I colori stanno a La Gomera come la primavera alla vita e ti accompagnano in una giostra piena di sorprese, anfratti delle streghe, casette di marzapane per Hansel e Gretel di passaggio, sassolini a forma di ricordo che Pollicino lascia lungo il cammino per quando, tornato a casa, pensa che se partire è un po’ morire, tornare è sempre rinascere nel fondo della stessa memoria. Raccolta in ogni La Gomera che si incontra lungo le strade dei Guanci

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#4): Doors and colors

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#5): Walls and colors

La Gomera sembra un lunapark di luoghi inventati, cantieri in cui si costruiscono sogni colorati, rovine pronte a essere rimesse in piedi senza perdere nemmeno un tono di colore, perché sotto ogni colore se ne nasconde un altro, scatole cinesi in cui vengono imprigionati i colori, rubando il turchese al cielo e il marrone alla terra

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#6): Ruins and colors

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#7): Lines and colors

Confusi tra linee e altre geometrie, i colori di La Gomera giocano a nascondersi nell’ombra o sbucare dal sole all’improvviso. Ogni segno racconta col colore la sua piccola storia, screpolature di muri offesi dall’aria salmastra, ringhiere coraggiose a protezione delle ombre, porte di carta assorbente, che succhia il colore dei riflessi attorno.

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#8): House and colors

Le case a La Gomera sono fatte di mattoncini e marzapane, messe una sopra l’altra come dolciumi sulle bancarelle. Viste da lontano danno l’idea di paesi in miniatura, viste da vicino, sembrano disegnate sul cartone di una quinta teatrale. E quando lasci con la nave La Gomera, ti resta fino all’ultimo lo sguardo attratto dalle case. Fino a che non ne resta solo il colore in lontananza

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#9):  Houses and colors

Chapter 3 - La Gomera, Isle of colors (#10): Last glance to the Isle of colors

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 2 – El Médano

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , , on settembre 15, 2011 by guatantavara

El Médano è il posto del vento forte. El Médano vuol dire duna di sabbia ma quello che resta nella memoria non è la spiaggia ma lo spumeggiare delle onde, racchiuso nella baia come un anello prezioso di opale, a contrasto con la terra scura della Montaña Roja.

Capitolo 2 – El Médano, il posto del vento forte

Along the roads of the Guanches - Chapter 2 - El Médano (#1): The place of the strong wind

L’andirivieni verso riva delle creste bianche racconta del mare quello che la lava fa dei Vulcani attorno, quasi a voler dire al viaggiatore, non ti curare del forte vento, così come del sole che brucia la roccia,

Chapter 2 - El Médano (#2): The place of the strong wind

perché se ti siedi a riva è grazie al vento che ti porto in dote il segreto dell’oceano e, onda innamorata, ti vengo a morire tra i piedi, per poi dai tuoi piedi rinascere e andar via per sempre.

Chapter 2 - El Médano (#3): Hard work, curiosity and culture

Chapter 2 - El Médano (#4): When I grow up

Poco dietro le dune, subito a ridosso del mare, quasi a voler rappresentare la calma circondata dal caos, protetto dalla macchia atlantica, vigilato dalla Montaña Roja, depredato da minuscoli uccelli migratori, un sogno d’acqua a forma di lago offre allo sguardo un riposo dal mare e alla pelle un riparo dal vento.

Chapter 2 - El Médano (#5): Montaña Roja

Siamo dentro una Reserva Natural Especial ed è tutto un susseguirsi di desolazione e forza, memoria di un mondo puro ormai scordato e l’insistente ricordo dell’oceano che le onde offrono da lì dietro, appena oltre le dune. A due passi dalla quiete inventata del lago a forma di sogno.

Eccole di nuovo, le onde di El Médano.

Chapter 2 - El Médano (#6): The caress of the sea

Tormentano la scogliera e accarezzano la spiaggia, scherzando con i gabbiani e mescolando tutti i toni blu del mare come una tavolozza impazzita. Anche solo a sentirle, le onde dell’oceano, le riconosci a una a una e sai con che forza verranno a sbatterti contro. Ma non riesci nemmeno a spostarti e resti lì ad aspettarle. Amori sempre fedeli

A scoprirle a una a una e a rimetterle insieme sulla tavolozza impazzita, le gradazioni del mare sembrano arcobaleni d’acqua.

Chapter 2 - El Médano (#7): All shades of the Ocean

Sono strati di sogno che accompagnano il viaggio, come desideri di bimbi davanti alle bancarelle di dolciumi: creme caramellate, tamarindi, anici, mente, croccantini, zuccheri filati che ruberesti e nasconderesti nel posto più segreto del mondo. Magari nel posto del vento forte.

O nel blu dipinto di blu.

Chapter 2 - El Médano (#8): In the blue, painted blue, AKA "Volare"

Il blu cantato è il cielo, ma il mare di El Médano se lo mangia il cielo e – seguace della sinistra hegeliana – diventa ciò che mangia, diventa blu, come un dipinto di blu della stessa tavolozza impazzita di tutte le altre sfumature del mare. E si vola nel mare di El Médano, si vola in alto, verso il blu del cielo e si cade giù, dentro il blu del mare, novelli Icari troppo vicini al sole e schiavi del vento

Basta girare lo sguardo dalla spiaggia di El Médano verso l’entroterra e ci si ritrova sull’altra faccia della luna.

Chapter 2 - El Médano (#9): The dark side of the beach

Quel che resta del mare è il suono, ma tutti i suoi colori sembrano spariti, per lasciare il posto all’incantesimo dell’inospitale, lungo pianure arcobaleno che nascono dalla terra color caldo fuoco e si perdono nell’orizzonte color freddo azzurro. Territorio di un altro mondo, sconosciuto persino al sogno.

Chapter 2 - El Médano (#10): Leaving the place of the strong wind

Lasciando El Médano resta per giorni il vento sulla pelle, il suono delle onde nelle orecchie, i colori del mare nello sguardo, qualcosa di imperscrutabile nella memoria, forse la vista della baia dalla Montaña Roja, forse solo il ricordo dei passi sulla riva. Con la certezza di stare per scoprire altre meraviglie…