Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife


Qui termina il lungo viaggio sulle strade dei Guanci.
Termina dov’era iniziato, a Santa Cruz de Tenerife,
dopo aver raccolto per strada i sassolini di memoria
come fossimo un Pollicino di passaggio.

Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#1) - Taken in my colored period

Sembra di essere in un luogo doppio, a Santa Cruz de Tenerife,
distribuito tra un tempo antico e un’era nuova,
sempre colorato dei colori del nostro sguardo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#2) - Simple as drawn by a child

Semplice come un disegno fatto dai bambini
Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#3) - Nelson passed by here

Come se un muro dopo l’altro il tempo se ne andasse via

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#4): One wall after another, the time goes

Maschio e femmina, Yin e Yang, notte e giorno

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#5): Male & Female, Yin & Yang, Night & Day

Pixel giganteschi che sembrano rendere il nostro cammino una Seconda Vita,
virtuale o materiale, come la si vuole vivere

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#6): Giant pixels

Scoprendo accessi che portano a luoghi dove nessuno di noi potrà mai entrare,
ma che sono loro a entrare dentro di noi,
al confine tra il sentiero dello sguardo e il bosco della fantasia

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#7): 16 internal

Fino a indovinare tutti i generi di rosso che si possono colorare

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#8): Another kind of red

o i pastelli irripetibili che non emettono suoni
e ci sussurrano parole di vita dentro l’anima

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#9): Pastels

tasselli di edifici che si compongono riflettendo il tempo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#10): Buildings puzzle

E come tutti i viaggi anche questo finisce con un addio.
Finisce con un addio,
perché in ogni addio seminiamo un po’ della nostra anima.
Quella che abbiamo costruito nel viaggio,
raccogliendo frammenti di memorie,
ricordi e souvenir del tempo.

Along the roads of the Guanches - Epilogue: To leave is to die a little

A tutti i visitatori di questo viaggio:

Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama
poiché lasciamo un po’ di noi stessi
in ogni luogo ad ogni istante.
E’ un dolore sottile e definitivo
come l’ultimo verso di un poema…
Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama.
Si parte come per gioco
prima del viaggio estremo
e in ogni addio seminiamo
un po’ della nostra anima

(Rondel de l’adieu, Edmond Haracourt)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: