Archivio per Tenerife

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on gennaio 6, 2012 by guatantavara

Qui termina il lungo viaggio sulle strade dei Guanci.
Termina dov’era iniziato, a Santa Cruz de Tenerife,
dopo aver raccolto per strada i sassolini di memoria
come fossimo un Pollicino di passaggio.

Capitolo 10 – Camminando in Santa Cruz de Tenerife

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#1) - Taken in my colored period

Sembra di essere in un luogo doppio, a Santa Cruz de Tenerife,
distribuito tra un tempo antico e un’era nuova,
sempre colorato dei colori del nostro sguardo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#2) - Simple as drawn by a child

Semplice come un disegno fatto dai bambini
Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#3) - Nelson passed by here

Come se un muro dopo l’altro il tempo se ne andasse via

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#4): One wall after another, the time goes

Maschio e femmina, Yin e Yang, notte e giorno

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#5): Male & Female, Yin & Yang, Night & Day

Pixel giganteschi che sembrano rendere il nostro cammino una Seconda Vita,
virtuale o materiale, come la si vuole vivere

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#6): Giant pixels

Scoprendo accessi che portano a luoghi dove nessuno di noi potrà mai entrare,
ma che sono loro a entrare dentro di noi,
al confine tra il sentiero dello sguardo e il bosco della fantasia

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#7): 16 internal

Fino a indovinare tutti i generi di rosso che si possono colorare

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#8): Another kind of red

o i pastelli irripetibili che non emettono suoni
e ci sussurrano parole di vita dentro l’anima

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#9): Pastels

tasselli di edifici che si compongono riflettendo il tempo

Chapter 10 - Santa Cruz de Tenerife, old & new (#10): Buildings puzzle

E come tutti i viaggi anche questo finisce con un addio.
Finisce con un addio,
perché in ogni addio seminiamo un po’ della nostra anima.
Quella che abbiamo costruito nel viaggio,
raccogliendo frammenti di memorie,
ricordi e souvenir del tempo.

Along the roads of the Guanches - Epilogue: To leave is to die a little

A tutti i visitatori di questo viaggio:

Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama
poiché lasciamo un po’ di noi stessi
in ogni luogo ad ogni istante.
E’ un dolore sottile e definitivo
come l’ultimo verso di un poema…
Partire è un po’ morire
rispetto a ciò che si ama.
Si parte come per gioco
prima del viaggio estremo
e in ogni addio seminiamo
un po’ della nostra anima

(Rondel de l’adieu, Edmond Haracourt)

Annunci

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 2 – El Médano

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , , on settembre 15, 2011 by guatantavara

El Médano è il posto del vento forte. El Médano vuol dire duna di sabbia ma quello che resta nella memoria non è la spiaggia ma lo spumeggiare delle onde, racchiuso nella baia come un anello prezioso di opale, a contrasto con la terra scura della Montaña Roja.

Capitolo 2 – El Médano, il posto del vento forte

Along the roads of the Guanches - Chapter 2 - El Médano (#1): The place of the strong wind

L’andirivieni verso riva delle creste bianche racconta del mare quello che la lava fa dei Vulcani attorno, quasi a voler dire al viaggiatore, non ti curare del forte vento, così come del sole che brucia la roccia,

Chapter 2 - El Médano (#2): The place of the strong wind

perché se ti siedi a riva è grazie al vento che ti porto in dote il segreto dell’oceano e, onda innamorata, ti vengo a morire tra i piedi, per poi dai tuoi piedi rinascere e andar via per sempre.

Chapter 2 - El Médano (#3): Hard work, curiosity and culture

Chapter 2 - El Médano (#4): When I grow up

Poco dietro le dune, subito a ridosso del mare, quasi a voler rappresentare la calma circondata dal caos, protetto dalla macchia atlantica, vigilato dalla Montaña Roja, depredato da minuscoli uccelli migratori, un sogno d’acqua a forma di lago offre allo sguardo un riposo dal mare e alla pelle un riparo dal vento.

Chapter 2 - El Médano (#5): Montaña Roja

Siamo dentro una Reserva Natural Especial ed è tutto un susseguirsi di desolazione e forza, memoria di un mondo puro ormai scordato e l’insistente ricordo dell’oceano che le onde offrono da lì dietro, appena oltre le dune. A due passi dalla quiete inventata del lago a forma di sogno.

Eccole di nuovo, le onde di El Médano.

Chapter 2 - El Médano (#6): The caress of the sea

Tormentano la scogliera e accarezzano la spiaggia, scherzando con i gabbiani e mescolando tutti i toni blu del mare come una tavolozza impazzita. Anche solo a sentirle, le onde dell’oceano, le riconosci a una a una e sai con che forza verranno a sbatterti contro. Ma non riesci nemmeno a spostarti e resti lì ad aspettarle. Amori sempre fedeli

A scoprirle a una a una e a rimetterle insieme sulla tavolozza impazzita, le gradazioni del mare sembrano arcobaleni d’acqua.

Chapter 2 - El Médano (#7): All shades of the Ocean

Sono strati di sogno che accompagnano il viaggio, come desideri di bimbi davanti alle bancarelle di dolciumi: creme caramellate, tamarindi, anici, mente, croccantini, zuccheri filati che ruberesti e nasconderesti nel posto più segreto del mondo. Magari nel posto del vento forte.

O nel blu dipinto di blu.

Chapter 2 - El Médano (#8): In the blue, painted blue, AKA "Volare"

Il blu cantato è il cielo, ma il mare di El Médano se lo mangia il cielo e – seguace della sinistra hegeliana – diventa ciò che mangia, diventa blu, come un dipinto di blu della stessa tavolozza impazzita di tutte le altre sfumature del mare. E si vola nel mare di El Médano, si vola in alto, verso il blu del cielo e si cade giù, dentro il blu del mare, novelli Icari troppo vicini al sole e schiavi del vento

Basta girare lo sguardo dalla spiaggia di El Médano verso l’entroterra e ci si ritrova sull’altra faccia della luna.

Chapter 2 - El Médano (#9): The dark side of the beach

Quel che resta del mare è il suono, ma tutti i suoi colori sembrano spariti, per lasciare il posto all’incantesimo dell’inospitale, lungo pianure arcobaleno che nascono dalla terra color caldo fuoco e si perdono nell’orizzonte color freddo azzurro. Territorio di un altro mondo, sconosciuto persino al sogno.

Chapter 2 - El Médano (#10): Leaving the place of the strong wind

Lasciando El Médano resta per giorni il vento sulla pelle, il suono delle onde nelle orecchie, i colori del mare nello sguardo, qualcosa di imperscrutabile nella memoria, forse la vista della baia dalla Montaña Roja, forse solo il ricordo dei passi sulla riva. Con la certezza di stare per scoprire altre meraviglie…

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 1 – El Teide

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on settembre 2, 2011 by guatantavara

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#1): El Teide

Da qui inizia il mio lungo racconto lungo le strade del popolo dei Guanci. “Qui” sarebbe lo Llano de Ucanca, da dove, meglio che da qualunque altra parte del mondo, si vede El Teide, il vulcano di Tenerife. Là, dove forse un giorno c’era Atlantide.

Farò del mio meglio, ma per una volta sono sicuro che nessuna immagine potrà raccontare davvero quei luoghi, e solo standoci dentro la piana di Ucanca, solo alzando lo sguardo verso il Teide, solo camminando nel deserto lasciato dall’ultima eruzione, si potrebbe capire davvero che posto è.

E non ci sarà solo deserto e arsità lungo la strada dei Guanci. Ci saranno paesi, mare, piante, animali e genti. E ci saranno strade, tante strade, perdute nel nulla di un mondo che racchiude tutto, perfetta prosecuzione di Guatan Tavara, la strada che porta altrove, la strada che nasce alla fine del tempo e muore dove il tempo inizia. La strada che va in nessun luogo e in tutti i luoghi del mondo.

Buon viaggio a chi lo volesse fare con me.

Capitolo 1 – Verso e dentro El Teide

La TF21 si insinua nel ventre di Cañada Blanca dritta come la lama del vento nel cuore di un fuggiasco. Sembra andare verso l’infinito e vedi le automobili lontane muoversi lente come lumache e non arrivare mai, ferme lì per interi minuti come catturate dalle Roques de Garcìa

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#2): Cañada Blanca

A Siete Cañada sembra di essere in un altro mondo. Sarà per le alte Tajinaste, che sembrano essere lì per pettinare i cespugli scompigliati dal vento, sarà per la nera lava lasciata dal vulcano come terra inospitale eppure piena di vita estrema, sarà per come si offre al viaggiatore la nullità infinita dello spazio, che trasmette allo sguardo, all’animo e al cuore la calma del mondo, come solo un posto sperduto nel cosmo può dare.

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#3): Walking on another World

Proprio alle pendici del Teide, c’è un sentiero che si lascia salire, dolce e faticoso come la riscoperta di un sè nella memoria. E lo si fa salendo verso un dove sconosciuto, a piccoli passi, verso dove nessun altro occhio, oltre quello dell’anima può vederti, dove nessun respiro oltre quello del pensiero può sentirti, dove solo un battito d’ali lontano, può inseguire quello impazzito dalla fatica del cuore

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#4): Going up in small steps towards an unknown where

Come ogni deserto, il deserto del Teide regala forme e colori che sembrano uscire da sogni incantati di calma. E’ uno spicco di sabbia, che chissà quale vergine del vulcano (poi lo sapremo) ha strappato alla lava, lasciandola ondeggiare nel tempo, attorniana da roccia nera e durissima, appena ferita da massi pungenti che sporgono qua e là, come piccoli peccati irriverenti, tra il manto candido della sabbia.

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#5): Minas de San José

Dalla cima del Teide non si può altro che sentirsi in un qualche altrove del mondo. Sotto tutto è così piccolo e sperduto alla vista e al contatto che si ha quasi paura a tornarci, laggiù, perché non sembra appartenere alla stessa terra dalla quale si è saliti, Perfino la lunga strada tortuosa che si fa per salire e che si inoltra sinuosa come fosse una minuscola vena nelle pieghe della pelle sembra perdersi in qualche mondo sconosciuto e mai più ritornare.

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#6): From the top of the volcano

E’ dritta come una lama, la TF21, per lunghi tratti sembra non accadere nulla, e poi, d’improvviso, non si sa più da dove si viene e dove si va, persi nella s-memoria delle cose e delle parole, ed è come ci si immagina sia l’eternità, annullamento del tempo senza nemmeno una curva.Allora è bello fermarsi, aspettare sul ciglio, nel silenzio che comincia da chissà quanto lontano, il susseguirsi delle auto, anime migranti che bussano alle porte dell’infinito

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#7): Like a blade that plows the land

Ci sono sfumature, sotto al Teide, che nessun altro luogo del mondo possiede, disegni di terre anziane e rugate e lingue di rocce lisce quasi fossero pelli glabre, cespugli dorati e macchie di verde che si alternano come pedine di una partita a dama. E la strada laggiù, fedele compagna del ricordo lasciato dal lento tracimare a valle della lava

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#8): Directly from another planet

Lasciata la vetta del Teide, la discesa riporta in un mondo popolato di rocce, tortuose come i pensieri del viaggiatore. Arrivati all’altezza del Parador si resta appesi tra la l’austerità dello sperone di roccia detto la Cattedrale e la magia
di Roque Cinchado, eroso alla base dal vento dei rimorsi di chi sta andando via, rubandone con lo sguardo un pezzetto alla volta, e che sembra sorreggere El Teide e allo stesso ergersi e muoversi verso il cratere come il mulinello di un ciclone che gira al contrario.

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#9): Roque Cinchado

Non si fa in tempo a lasciare El Teide come un ricordo, che il mare comincia a reclamare il suo posto nell’anima del viandante. Ma prima di lasciarsi intravvedere, il mare di Tenerife mostra il suo piccolo antico segreto. Atlantide è laggù, visibile solo dai cuori puri, per un solo momento, in un solo attimo del giorno, quando non è né giorno né notte e poi scompare, lasciando spazio alle onde bianche dell’oceano, che ha generato essa stessa col suo pianto di isola abbandonata nell’eterno e pellegrina nell’infinito

Along the roads of the Guanches - Chapter 1 - Tenerife (#10): For a moment I saw Atlantis