Archivio per novembre, 2011

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 9 – Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , on novembre 26, 2011 by guatantavara

Il lungo viaggio nelle terre dei Guanci volge al termine. Finirà con due ultime storie, una miracolo della natura (tanto per farcela amare quanto dovremmo, sempre) l’altra dell’uomo (quello sano di mente).

Capitolo 9 – Lanzarote, Jardín de Cactus, le piante delle meraviglie

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#2): Green Highways

Entrare nel Jardín de Cactus è come sentirsi al tempo stesso Gulliver e Alice, Corto Maltese e Phileas Fogg.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#1): The plant of wonders

Si passa dal paese delle meraviglie a Lilliputh, da coste bagnate da oceani inesistenti, viste con gli occhi di streghe e gitani, al sogno di attraversare il mondo racchiuso nella stanza della nostra fantasia.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#5): Natural tangle

E ciascuno può vedere quello che vuole nelle piante inimmaginabili del Jardín de Cactus.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#6): Thorny gear

Perché la magia, se c’è, è nelle cose e negli occhi di chi le guarda

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#7): barbed wire

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#8): Flame

Può un cactus dare l’idea della tenerezza? A volte i cactus non sembrano ostili, ma adolescenti pieni di spine e tenerezze, come i nostri figli, che vediamo crescere credendo di essere forti e inespugnabili eppure fragili e vulnerabili.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#4): Tenderness

Belli e pericolosi, dolci e dannati. Ecco, questo popolo dei cactus è proprio come i nostri figli

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#9): Cotton candy

Avrei voluto camminare sopra queste foglie galleggianti riempite dai colori della vita, come un povero cristo sperduto in un luogo di epifanie allo sguardo.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#3): Life on the water

Tavolozze di pittori innamorati, regali della natura al viaggiatore, dichiarazioni d’amore alla deriva, alla ricerca della foglia sorella o amante.

Chapter 9 - Lanzarote, Jardín de Cactus - (#10): Mirror on the wall..., who's the fairest of them all?

Avrei voluto camminarci sopra, ma intanto ci ho viaggiato dentro

Annunci

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , on novembre 13, 2011 by guatantavara

Benvenuti nell’isola della terra nera, in un altro tempo, in un’altra Terra

Capitolo 8 – Lanzarote, un altro tempo, un’altra Terra

dove la strada culla il viaggiatore come i Luna Park fanno con la fantasia, tuffo a cuore dell’immaginazione. E tutto è possibile, a Lanzarote, quasi a poter essere davvero in un altro mondo.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#1): Welcome to the black land

E ti accompagna la terra nera nel tuo viaggio senza punti di riferimento, ti guida verso l’orizzonte come un ago della bussola senza nord certi da indicare.

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#2): Bacchus normal form

Le incertezze dell’animo diventano pensieri secondari, libero di andare, libero di non tornare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#3): Wine trenches

Giù dal tempo, a scandire epoche che non forse non sono mai esistite

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#4): Drawn by the time

“il viaggio continua… e l’orizzonte è lì che aspetta.
il presente vicino e nitido, quel che verrà sfocato e impalpabile…”

(grazie a mariarita.g)

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#5): Going towards no land

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#6): The road of Dwarfs

Viste minimali raccontano gli angoli più nascosti della pace del mondo

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#7): Minimal view

Strati di memorie screpolate, segnate qua e là da pietre miliari del blu rubato al cielo e al mare

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#8): Layers

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#9): Really abstract

Chapter 8 - Lanzarote, another time, another Earth (#10): Abstractly real

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , on novembre 5, 2011 by guatantavara

L’insostenibile leggerezza del deserto accompagna il viaggiatore arrivato al Parque de Las Dunas, deserto a forma di spiaggia infinita, sospeso tra il mare e il niente, di fronte all’Oceano, alle spalle della storia.

Capitolo 7 – Corralejo, l’insostenibile leggerezza del deserto

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#1): The look-out

Le tracce che il viaggiatore lascia nel deserto, sono sempre tracce di vita anche se la vita sembra assente.

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#2): Harmonies

Non si vedono strade perché il deserto è un’unica grande strada maestra, piena di piste del sogno e vie dei canti, grovigli forse,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#5): Footprints

scanditi dal tempo segnato dal vento sulla sabbia, metronomo di una musica interiore che altrove non si può sentire. Solo nel silenzio

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#3): The challenge

Alla luce di lune inesistenti, Las Dunas ti ricorda le strade inventate di viaggi senza tempo, attratti solo dalla sagoma scura delle paure

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#6): Moonlight

Attraversare in bicicletta il deserto de Las Dunas è come perdersi in un sogno abbagliato di sabbie chiare e leggere, distese macchiate di cespugli inospitali,

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#7): Lost

bush delle nostre vie antenate, percorse senza meta conosciuta, a metà strada tra vita e memoria

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#4): Little dunes

Rughe del tempo attraversano le dune, accompagnano il cammino del viaggiatore al ritmo scandito dal vento

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#8): Wrinkles

Non c’è altro orizzonte nel deserto de Las Dunas che il mare, strano miraggio del viaggiatore reso folle dal colore della sabbia, disorientato dal vedersi perso nel nulla eppure così vicino all’Oceano

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#9): Disorienteering

e dire addio al deserto significa seguire una strada che porta verso altri mondi

Chapter 7 - Corralejo, the unbereable lightness of the desert (#10): Farewell

là, dove comincia la storia della terra nera