Archivio per febbraio, 2010

Per le strade di Roma (parte seconda)

Posted in Le nostre strade, Piccoli ricordi di strada with tags , , , , on febbraio 14, 2010 by guatantavara

Quando le strade di Roma si tingono di blu è come scendere nelle pieghe del cosmo, dove il blu diventa infinito

Quando per le strade di Roma si affaccia la sera i lampioni rincorrono il sole che va

se ne prendono il colore a rifargli il verso e incantare i gabbiani, che non vadano via

Quando per le strade di Roma si affaccia la sera, i lampioni rubano i colori del sole per ridarglieli il giorno dopo

Quando le strade di Roma si spingono a sera, persino gli angeli si tingono di blu

Quando il fiume di Roma si tinge di blu, pezzi di storia si scaldano come ferri di memorie roventi

che ti portano avanti e indietro a girovagare tra angoli e nascondigli


squarci racchiusi tra l’ametista di vite a forma di pietre preziose

e l’indaco degli arcobaleni del cuore

Per le strade di Roma che aspetta la notte i colori non scappano via,

si rintanano tra le pieghe delle strade,

tra i riflessi amici che le piogge fanno cadere

Quando per le strade di Roma cala la notte, il pittore del freddo se ne sta rincattucciato a disegnare i suoi pensieri da solo

a fare dei suoi sogni ghirigori che si perdono nei riflessi di luoghi mai visti

nella piazza vuota, nel vento ingrato, nell’attesa fuggiasca, nell’adagiarsi sul nulla del tratto del suo carboncino e quel volto,

quel volto che appare solo se lo vuoi far apparire, più vero nel suo disegno che nelle movenze della sera

Annunci

Per le strade di Roma (parte prima)

Posted in Italia, Le nostre strade, Piccoli ricordi di strada with tags , , , , on febbraio 11, 2010 by guatantavara

Per le strade di roma capita di incontrare il tempo

quello bello che tinge di marmo la storia

e quello brutto che piove dentro le anime

come fossero pensieri lasciati da soli

per le strade di roma capita di incontrare i riflessi del mondo

quelli belli che lasciano nelle anime il bagliore di un sole che sai sta per arrivare

e quelli brutti che toccano la vita di struscio senza lasciare traccia

per le strade di roma capita di vedere sbiadirsi i colori e colorarsi i pensieri

per le strade di roma capita di incontrarsi per caso

di lasciarsi per noia

di cercarsi per finta

di ritrovarsi per davvero

come in un carosello di bambini

o di fotografi che si accompagnano per strada

per le strade di Roma

Viaggiando s’impara la saggezza

Posted in I nostri viaggi, Nord Africa with tags , , , , , on febbraio 2, 2010 by guatantavara

(Appunti e visioni di un viaggio in Marocco – Capitolo 6)

Viaggiando s’impara la saggezza, come se nelle terre d’altri scoprissi verità che i luoghi conosciuti ti negano da sempre

E’ lungo le strade di lingue che non capisci dove impari i suoni del mondo

Dove impari i colori dei pensieri

Viaggiando impari la saggezza, perché non senti altri che te stesso parlare al te stesso più lontano

al te stesso che non sentivi più

E’ lo stesso viaggio che non hai mai compiuto prima

fin a quando non hai saputo se andare o restare

e senza testimoni è la stessa anima che dissemina le strade di passi

come avanzi di memoria

intorno margini d’ombra

sei sorpreso dai tuoi novantanni
e se morto prima
morto come un uccello senz’ali
nei giardini dove il grido si infrange

e il volo era solo poco più in là
di un allungare di mani
chi a chiamarci?
quanti a trovarci?

muti inventari di cose
nei pomeriggi a scrivere versi

a inventare l’arte che semina amanti
che la luna diventa la Luna
genera storie
di genere in genere
mito

e la voce si esalta di parole
a gridare
Poi, l’invenzione ricade

un giorno che si mischia ai pensieri
e scriverlo è sempre più impuro
diventa voglia di andare

Così è la pigrizia
(e i cammei smarriti)
a riportarci sul margine delle strade
null’altro

così è l’abitudine
(e il tempo invaso)
a sbandierare sagome immote

sul profilo di incontri a due facce
(sulla terra arsa)

null’altro. null’altro

——————————-

Con l’immagine di una finestra che fa ombra a se stessa si chiude il racconto del mio viaggio in Marocco. Manca solo un omaggio a un luogo magico e irraggiungibile, che ora non dico, e che chissà quando metterò. Sarà solo un problema di ispirazione e voglia di scrivere. Che da un po’ vado cercando come un’anima migrante, come un pensiero errante, come un nomade che si perde nel tempo e si ritrova dentro la memoria