Archivio per Mare

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 5 – Fuerteventura, calma e furore

Posted in Europa, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , on ottobre 14, 2011 by guatantavara

Fuerteventura è il quinto capitolo del mio viaggio alle Canarie. Anche in questo caso, come per El Teide, non ci sono fotografie che possano rendere davvero l’idea dei luoghi. E’ solo dopo che ci si è fatti tormentare dal vento, aver calpestato le immense distese di spiagge e deserti (che a volte si confondono) o girovagato per le tortuose strade interne che si può capire – una volta davanti alle immagini, ai colori indicibile dell’Atlantico – cosa davvero abbiamo visto.

Capitolo 5 – Fuerteventura, calma e furore

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#1): Unspeakable levels of blue

Il racconto di questo viaggio è solo un lungo filo che si muove sul crinale dello sguardo, in bilico tra memoria e immaginazione. E ci fa riscoprire mondi inesplorati, come messaggi subliminali, inavvertitamente raccolti lungo la strada.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#2): Marine trophies

Alla Punta de Jandia trovi i cimeli del mare attaccati alle baracche, trofei che dopo giorni e giorni di abbandono al mare riporti a terra. Vincitore o sconfitto non importa, basta averlo sfidato il mare, avergli rubato i colori indicibili e restituirli alla tera arida e polverosa.
Come può tanto colore sfinirsi così nella desolazione delle montagne?

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#3): Lilliput and Blefuscu

Puerto de la Cruz non esiste. Se lo inventa il viaggiatore perché il mare là sotto è troppo grande e troppo selvaggio per non cercare un riparo tra la calma delle piccole case bianche.
Sembra Lilliput, paese in miniatura appoggiato sulle pietre arrotondate dal mare.
Puerto de la Cruz esiste solo per dividere il mondo in due, di qua il silenzio della baia, di là l’urlo delle onde, di qua la vita dolce e rumorosa solo del pallone calciato dal bimbo, di là il frastuono di un’epoca che non riconosco come mia.
Eppure, anche se non esiste, Puerto de la Cruz sta lì, sulla punta estrema di un’isola estrema, dentro un mare estremo, che solo chi ha il coraggio di non guardarsi indietro può scoprire

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#4): Scenes of daily Ocean

Sono le scene di quotidiano oceano quelle che ti rimangono più impresse di Puerto de la Cruz. Panni stesi al sole che sventolano come bandiere di vita, sorvegliati dal faro guardiano della Punta de Jandia, arbitro delle onde che si rincorrono spruzzando gocce di sale sulla pelle. Come sempre il rumore della natura si mischia al silenzio dei corpi. Scene di piccoli elementi da ricomporre nella memoria, per ritrovarsi.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#5): The Little Mermaid

E’ semplicemente l’oceano, quello che viene incontro al viaggiatore alla Punta de Jandìa. Con le sue onde bianche lo raggiunge ovunque egli sia, provenendo dal centro sconosciuto del mondo, laggù dove in un tempo passato c’era Atlantide. Vanno a scontrarsi, le onde bianche, con la spiaggia nera, lava scesa lentamente fin lì da qualche vulcano scomparso, sbriciolata, allisciata e corrosa dal vento e dal mare e ora rimasta a formare cerchi concentrici di colore come quelli disegnati da un sasso lanciato nell’acqua

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#6): Simply Ocean

Il viaggiatore è infinitamente piccolo, sperduto dentro la Costa de sotavento, così come la spiaggia attorno è inifinitamente grande. Camminarci è come stare su un foglio di carta, dove i passi sono la scrittura della memoria. Tracciano segni che si intrecciato tra loro come le vie dei canti dell’altra parte del mondo. Perché in fondo non c’è nel mondo una parte o l’altra, ma solo le piste del sogno, Messe insieme formano un unico labirinto di ricordi, infinitamente piccolo per il mondo, infinitamente grande per noi

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#7): Infinitely small as well as infinitely large

Chissà perché in certi posti non si può non sentirsi legati per sempre a chi li vive con noi. Sono i posti in cui impariamo a condividere quello che sentiamo, dove capiamo che il vento, il rumore del mare, quello che la marea lascia ai nostri piedi, non sono lì per noi soli, né per noi “da soli”, e anche se lo siamo davvero da soli, sappiamo che esserci in quel preciso momento e in quel preciso punto del mondo, sarà esserci stato per sempre e ovunque.
Così è alla Costa de sotavento a Fuerteventura

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#8): how can't I tell you that I love you?

Cammina e cammina si arriva dove nasce il vento, dove lo sfinimento diventa gioia.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#9): marching towards the wind

Dove ci si sente come quel piccolo granello di sabbia, eppure si sfida il mare.

Chapter 5 - Fuerteventura, the calm and the wildness (#10): Walkabout

Lungo le strade dei Guanci – Capitolo 2 – El Médano

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Le nostre strade with tags , , , , , , on settembre 15, 2011 by guatantavara

El Médano è il posto del vento forte. El Médano vuol dire duna di sabbia ma quello che resta nella memoria non è la spiaggia ma lo spumeggiare delle onde, racchiuso nella baia come un anello prezioso di opale, a contrasto con la terra scura della Montaña Roja.

Capitolo 2 – El Médano, il posto del vento forte

Along the roads of the Guanches - Chapter 2 - El Médano (#1): The place of the strong wind

L’andirivieni verso riva delle creste bianche racconta del mare quello che la lava fa dei Vulcani attorno, quasi a voler dire al viaggiatore, non ti curare del forte vento, così come del sole che brucia la roccia,

Chapter 2 - El Médano (#2): The place of the strong wind

perché se ti siedi a riva è grazie al vento che ti porto in dote il segreto dell’oceano e, onda innamorata, ti vengo a morire tra i piedi, per poi dai tuoi piedi rinascere e andar via per sempre.

Chapter 2 - El Médano (#3): Hard work, curiosity and culture

Chapter 2 - El Médano (#4): When I grow up

Poco dietro le dune, subito a ridosso del mare, quasi a voler rappresentare la calma circondata dal caos, protetto dalla macchia atlantica, vigilato dalla Montaña Roja, depredato da minuscoli uccelli migratori, un sogno d’acqua a forma di lago offre allo sguardo un riposo dal mare e alla pelle un riparo dal vento.

Chapter 2 - El Médano (#5): Montaña Roja

Siamo dentro una Reserva Natural Especial ed è tutto un susseguirsi di desolazione e forza, memoria di un mondo puro ormai scordato e l’insistente ricordo dell’oceano che le onde offrono da lì dietro, appena oltre le dune. A due passi dalla quiete inventata del lago a forma di sogno.

Eccole di nuovo, le onde di El Médano.

Chapter 2 - El Médano (#6): The caress of the sea

Tormentano la scogliera e accarezzano la spiaggia, scherzando con i gabbiani e mescolando tutti i toni blu del mare come una tavolozza impazzita. Anche solo a sentirle, le onde dell’oceano, le riconosci a una a una e sai con che forza verranno a sbatterti contro. Ma non riesci nemmeno a spostarti e resti lì ad aspettarle. Amori sempre fedeli

A scoprirle a una a una e a rimetterle insieme sulla tavolozza impazzita, le gradazioni del mare sembrano arcobaleni d’acqua.

Chapter 2 - El Médano (#7): All shades of the Ocean

Sono strati di sogno che accompagnano il viaggio, come desideri di bimbi davanti alle bancarelle di dolciumi: creme caramellate, tamarindi, anici, mente, croccantini, zuccheri filati che ruberesti e nasconderesti nel posto più segreto del mondo. Magari nel posto del vento forte.

O nel blu dipinto di blu.

Chapter 2 - El Médano (#8): In the blue, painted blue, AKA "Volare"

Il blu cantato è il cielo, ma il mare di El Médano se lo mangia il cielo e – seguace della sinistra hegeliana – diventa ciò che mangia, diventa blu, come un dipinto di blu della stessa tavolozza impazzita di tutte le altre sfumature del mare. E si vola nel mare di El Médano, si vola in alto, verso il blu del cielo e si cade giù, dentro il blu del mare, novelli Icari troppo vicini al sole e schiavi del vento

Basta girare lo sguardo dalla spiaggia di El Médano verso l’entroterra e ci si ritrova sull’altra faccia della luna.

Chapter 2 - El Médano (#9): The dark side of the beach

Quel che resta del mare è il suono, ma tutti i suoi colori sembrano spariti, per lasciare il posto all’incantesimo dell’inospitale, lungo pianure arcobaleno che nascono dalla terra color caldo fuoco e si perdono nell’orizzonte color freddo azzurro. Territorio di un altro mondo, sconosciuto persino al sogno.

Chapter 2 - El Médano (#10): Leaving the place of the strong wind

Lasciando El Médano resta per giorni il vento sulla pelle, il suono delle onde nelle orecchie, i colori del mare nello sguardo, qualcosa di imperscrutabile nella memoria, forse la vista della baia dalla Montaña Roja, forse solo il ricordo dei passi sulla riva. Con la certezza di stare per scoprire altre meraviglie…

Dove nasce il giorno

Posted in Guatan Tavara, I nostri viaggi, Strade inventate with tags , , , , , on febbraio 12, 2011 by guatantavara

Il giorno non nasce in tutte le parti del mondo, ma solo in segreto, là dove nessuno lo vede.

Da niente diventa increspatura di vita,

da buio diventa cammino,

da notte diventa orizzonte

Il giorno non ha fretta di diventare colore

ma si tinge lentamente salendo dal cuore del mondo

scalda pian piano il manto del mondo come il respiro che esce dal freddo letargo infinito dell’insensibilità

seziona il nero come a cercare nella notte dell’anima quell’unica luce della fratellanza

e solo alla fine si lascia trovare

…ti voglio raccontare un viaggio

Posted in I nostri viaggi, Italia with tags , , , , , , on luglio 17, 2009 by guatantavara

…ti voglio raccontare un viaggio.
Un viaggio che comincia quando le scie di mare sconosciuti
accompagnano il mondo alla notte

scie

e se ne va all’incontrario

scie3

scie2

per finire quando quello stesso mare ritrova il suo mondo all’alba

scie4

E tutto comincia con luci d’altri mondi, così lontane che non sai
se vanno o se vengono

lucilontane

è come se fossero colate d’oro, più profonde del pensiero che precede l’abbandono

oro

quel qualcosa che assomiglia al cammino dentro la notte deserta

notturno1

che si inerpica dove nemmeno la paura della solitudine si addentra

notturno2

a salire scale che portano alla parte del mondo che è di nessuno e da nessuna parte va

scale

a sognare i luoghi della pace dell’esserci

pace

ma è solo un sogno e oltre non c’è nulla,
solo il notturno verso dell’andare via per strade così strette da non lasciar passare neanche il cuore

notturno3

se il cuore si scorda di esistere

notturno4

e si perde, là dove tutto era cominciato. Tra la schiuma dei giorni

schiuma2

sospesa tra la speranza di restare per sempre accarezzata dal resto del mare,

schiuma

e la necessità di andare a morire a riva

scie5

e non resta più che andare via in volo.
Via senza mai più voltarsi indietro

in volo

La côte sauvage e altri affetti

Posted in Europa, Guatan Tavara, I nostri viaggi, Strade da raccontare with tags , , , , , , , , , on marzo 28, 2009 by guatantavara

Mancava il mare a Guatan Tavara.

Quiberon - La côte sauvage

Sembrava come se Kun’as non lo amasse.

On the border of a dream

“E invece il senso del mare Kun’as non lo aveva più, perché per lui, e per il resto della sua gente, la primitiva essenza del mare si era persa da tempo, come il neonato perde il liquido del ventre materno.”

Così comincia, più o meno Guatan Tavara.

E dal quel senso mancato di mare, Kun’as parte per la sua disperata ricerca di Càndor. Viaggia per ogni luogo esistente e inventato, pieno di dolori e altri affetti. Di coste selvagge dell’animo.
Senza mai potersi ritrovare nemmeno per un attimo davanti ai tramonti di isole amiche.

Isle of Palmarola #03

Fino a che…
” un inconfondibile odore fu portato improvvisamente da una brusca folata di vento. Un ricordo che sembrava cancellato per sempre si riaffacciò nella memoria di tutti. Si videro apparire di nuovo tutte le storie che cieche violenze avevano cancellato, per quell’unica forza che ora li attraeva e e si rivelava dal nulla come la loro unica salvezza. La barca superò lo scoglio. E una grande acqua blu apparve all’orizzonte, alla fine dello stretto fiordo in cui il fiume moriva.  Era il mare.”

onde-21

E così finisce, più o meno, Guatan Tavara (mi dispiace per chi non lo ha letto… se ho svelato il suo segreto più profondo… che è stato scritto per chi ama il mare e deve starne lontano!) e Kun’as può finalmente godersi di nuovo il tramonto, in una qualunque delle sue isole amiche…

Isle of Palmarola  #02

Ma prima di continuare, permettete che metta una colonna sonora che ci accompagni in questo viaggio sul mare… e chi se non Poseidone?…

Il mare è per tutti una lunga attesa, come fosse l’alta marea all’Estoril

Waiting for the High Tide

come fosse una veglia notturna, trattenendo il respiro fino all’alba.

Sunshine at the Adriatic Sea - 80214

l luoghi del mare possono essere il rifugio trasparente della barriera corallina

the-reef-42

protetti dal faro di Ras Mohammed

Ras Mohammed 0047

E il mare può essere bello come tutti i colori del mondo.

Blu

blu

Oro

gold

Ametista

amethyst

Cremisi e zaffiro

crimson-and-sapphire

Il luoghi del mare possono essere increspati per fare paura

verso-cabo-da-roca-p145

ma possono essere increspati per offrirsi al gioco di ragazzi

verso-cabo-da-roca-p158

Il luoghi del mare possono essere l’inizio del mondo

sunshine-at-north-cape

E la fine

midnight-sun-at-north-cape1

Ci si può lasciar navigare sopra, come fossimo fenicotteri rosa, in volo verso il nostro altrove

Camargue F144

Camargue F168

I luoghi del mare possono essere come le spazialità di Rothko

dedicated-to-rothko

o come un dipinto romantico dei colori di Turner
drawing-the-see

Le onde del mare ci riportano nei luoghi dei primi amori, e poi ci rilasciano a riva, sapendo che lì – proprio come le onde – vanno a morire, risacche di memorie mai smesse.

onde-1

I luoghi del mare, come i nostri affetti più cari, non possono che essere i luoghi dove la luna ci racconta una storia.

Dedicated To The Moon #3

E la storia del mare continua…